Nota di lettura di Fabrizio Bregoli a "La somma imperfetta delle parti"

“Questa nuova raccolta di Airaghi conferma la tipica cifra stilistica dell’autore: una poesia fortemente radicata nella quotidianità, nella frequentazione partecipata e assidua del mondo, ricorrendo a un linguaggio piano dal registro linguistico medio, tutto volto alla comunicazione senza derive auliche o intellettuali, nell’’idea di una poesia accessibile, a misura d’uomo. Nessuna invocazione alle muse “franate dai loro piedistalli”, allora, come sostiene ironicamente l’autore; ironia, presente qui e altrove, che è prova ulteriore dell’umanità che
muove questa scrittura, da un lato aperta alla pietas e dall’altro così concreta da evitare ogni compiacimento pietistico. L’esperienza quotidiana irrompe nei versi con spontaneità, ne plasma forma e contenuto, secondo un’impostazione etica che è prevalente, guida e unifica il disegno dell’opera, del resto particolarmente variegata, multicentrica si direbbe. 
Ecco allora uno stile unificante che con coerenza si propone narrativo, affabulatorio, con il ricorso a una sintassi articolata, a lunghe elencazioni, inserzioni dialogiche, riflessioni che si innestano sul vissuto: compito del verso spezzare questo flusso, a tratti anche magmatico, per porre in evidenza, offrire una luce di lettura, tentare conclusioni, certo mai definitive, ma
plausibili, magari limitate e circoscritte nello spazio e nel tempo, ma comunque alla ricerca di un senso, di un percorso rintracciabile.
Assume allora particolare rilevanza nell’architettura del libro il tema del cammino, a cui è dedicato “Il poema del cammino”, sezione finale della silloge, in cui l’autore, che già in una sezione precedente aveva tentato l’abbozzo di una “Autobiografia apocrifa”, si fa testimone oculare di un paesaggio tutto umano che viene attraversato, che incrocia la sua strada e chiede udienza, accoglienza. Aprirsi all’altro è l’unica scelta che evita all’individuo di scoprirsi “tentativo velleitario”, affetto da sordità e incapacità di comprendere il mondo, per quanto la realtà sia sempre frutto di una prospettiva limitata, parziale: “a questa infinitesima parte percepita / a questo parziale, risibile punto di vista / diamo il nome di realtà”. Airaghi denuncia così con obiettività e disincanto il continuo bisogno di autocompiacimento e di autoassoluzione che sono propri del nostro status di uomini, mai sufficientemente coraggiosi
nell’assunzione delle proprie responsabilità, nel confronto con la società a cui apparteniamo e con la storia da cui proveniamo, eppure è proprio qui che occorre affondare la lama, per capire “cosa manchi a questa mancanza”.
Se la somma è imperfetta per sua stessa natura – come recita il titolo della raccolta – ossia incapace di restituire l’interezza alla disgregazione delle sue parti, occorre però ricombinare i cocci, i frammenti, le macerie, nella necessità di restituzione di ciascuno di noi a un’umanità
più autentica, quella che può far dire a un uomo adulto di non avere delusioni o rimpianti rispetto al ragazzo che è stato. 
La poesia di Airaghi rifugge dalla tentazione edificante o apodittica, è consapevole del limite
di ogni voce poetica che decide di parlare in prima persona: si offre nudo sulla pagina, ma senza mai credersi un esempio né in positivo né in negativo (ulteriore stadio del compiacimento narcisistico); la sua è una voce intima, famigliare, che si rivolge al lettore come a un amico, a un compagno di viaggio. “Camminare e camminare ancora / è l’unico modo che ancora mi resta / per dichiararmi ancora vivo”.

 

Dalla prefazione di Giuliano Ladolfi a "La somma imperfetta delle parti"

«Un totale che non basta»


Durante la lettura della raccolta delle poesie di

Giuseppe Carlo Airaghi mi ha illuminato una frase

di Simone Weil: «A pochissimi spiriti a dato scoprire

che le cose e gli esseri esistono». A prima vista non

si riesce a comprenderne la profondità, perché pare

assurdo; se invece ci riflettiamo, concludiamo che la

maggior parte degli esseri umani guarda ma non

vede, ode ma non ascolta, percepisce ma non prova.

La cifra poetica di questi versi, nonostante l’autore

si definisca «Testimone inattendibile / della bellezza

del mondo, inadatto /a goderla, inadatto a cantarla»

sta proprio in questo segreto: cogliere frammenti di

esistente là dove difficilmente comunemente si giunge

alla consapevolezza:«i lampioni si mangiano stelle»;

«“Come se ci fosse la neve” dici / del silenzio che ci

accoglie / scosceso, a precipizio sul mare»: Quante

volte di notte abbiamo sollevato lo sguardo in alto e

abbiamo visto la stessa scena! Quante volte abbiamo

scorto la maestà del silenzio di un paesaggio! Queste

sensazioni però non sono diventate parole.

La principale dote del poeta consiste proprio

nell’affondare lo sguardo nella quotidianità dell’esi-

stenza comune: i paesaggi sono quelli della città, la

vita si svolge tra giornate, stagioni, ricorrenze, noti-

zie,personaggi, eventi minimi tra condomini, alberi,

voli di uccelli, risvegli, rappresentati talvolta con il

fascino di Guido Gozzano: «Ai marciapiedi di viale

Rembrandt / non importa il fiorire dei sambuchi /

ignorati, come ignorata è l’acqua delle rogge / di cui

sembrano non avere sete». La luce, poi, possiede un

fascino sensuale («un corpo capace di riempire oriz-

zonti»). L’autore sente che le cose inconsciamente

tendono a un loro fine (i marciapiedi «conoscono il

rumore dei tacchi / che non lasciano impronte»),

come pure dà voce agli ultimi che non possono pa-

garsi il biglietto del treno. Avverte la contraddizione

tra la fragilità dei ricoverati in ospedale e la sensa-

zione di “immortalità” dei giovani che si trovano “fuori”.

Questo sguardo gli presenta una realtà che svani-

sce («Il mondo visto dal treno / è una realtà visitata

di spalle»), priva di autentica consistenza (un mondo

«corroso, consumato, / insospettabilmente fragile»),

difficile da decifrare («quale sia la consistenza vera /

sospesa tra l’immanenza dei monti/ e l’evanescenza

delle nubi»), nonostante la sensazione di gravità dell

materia («È un inverno lombardo sfinito») e della

routine quotidiana («Il mattino è una rassegnazione

/ di fermate d’autobus e coincidenze»).

Airaghi non si presenta, però, al lettore come sem-

plice decifratore – mansione già di per se stessa di

grande valore – dell’esistente, ma si inoltra (Il poema

del cammino) alle radici della problematica che lo in-

duce a rilevare che «La somma imperfetta delle parti

/ porta a un totale che non basta, / i miei malgrado/

non sono in grado di dire / cosa manchi a questa

mancanza».

Un tale constatazione lo induce a un’ulteriore ri-

cerca per scoprire la montaliana “maglia rotta nella

rete”, ma non vi trova che incomprensibili contrad-

dizioni («I gabbiani immobili / sull’onda del vento

/ sembrano candidi aquiloni. In realtà / sono pre-

datori da discarica, / senza scrupoli, senza vergo-

gna»; «In quanti modi può esprimersi Maggio / e

rimanere inascoltato»). La fragilità («E in questa

ignoranza accettata /scaldiamo il letto in comune»),

la precarietà, le antinomie, la difficoltà di compren-

sione («a questa infinitesima parte percepita, / a

questo parziale, risibile punto di vista / diamo il

nome di realtà») sembrano governare il ritmo del

tempo e dello spazio, degli eventi e del flusso inte-

riore («questo nido di paglia, / questo riparo di

vento / che parrebbe non temere la notte»).

Giunto a questo punto del viaggio («In questa ap-

parenza avanziamo»), l’io lirico, come homo viator

(«mi infilerò nella pretesa ottusa / di conoscere le ri-

sposte necessarie») rivolge l’attenzione a se stesso e

vi coglie identica situazione: contraddizione («Per-

dermi o ritrovarmi / sono la medesima cosa»), pre-

carietà («Il senso del precario è diventato

sopportabile»), necessità di adattarsi al compro-

messo per sopravvivere («Tutta la verità non si può

dire, / se si vuole sottrarsi al dolore»), paura di es-

sere definito «tentativo velleitario», straniamento

(«Cantare canzoni / come fossero cantate da altre

voci»), limite («di chi, / come me, / per l’ennesima

volta, / ha lasciato a casa l’ombrello»), ma anche

barlume di speranza («nella cocciuta pretesa di ri-

fiorire / a ogni nuova cocciuta primavera»). Non

basta l’immaginazione («un altrove da immaginare

oltre le alte siepi»), non bastano i ricordi («In ogni

oggetto inanimato, in ogni corpo / dormiente sono

deposti ricordi in attesa / di vibrare allo sfioro che

li convoca»), non basta neppure una sorte di rasse-

gnata sconfitta («Agli altri non resta / che rasse-

gnarsi a convivere / con le cicatrici, / con le piante

infestanti nell’orto / sul retro della casa..») ad aprire

una vita di salvezza o di senso.

Uguali caratteristiche si trovano nella rappresen-

tazione della società contemporanea, a partire dai

falsi valori che proclama («Non resta che diventare

ricchi o accontentarsi, tra gli applausi, / delle bri-

ciole cadute dalla tovaglia» dopo inutili tentativi di

«puntare sul tavolo l’asse di denari / necessario a

raddrizzare la partita»), alla storia (25 Aprile), alla

difficoltà di relazione tra le persone («C’è sempre un

eccetera in fondo alle parole / a evitare il punto a

capo»), al mondo dell’informazione («Le menzogne

hanno ottime ragioni / per conformare i fatti alle

teorie»).

Tra i diversi temi trattati particolare rilievo assume

la riflessione sulla morte, che viene colta secondo due

fondamentali modalità: il primo in rapporto alla con-

tinuazione della vita («Ritorneremo a un amore privo

di rimorso, / a fischiettare cucinando il sugo»), pur

all’interno di capitali domande di senso («con parole

semplici / che colpiscono a morte il bersaglio / men-

tre stappiamo un’altra bottiglia di vino»); il secondo

nel rapporto con l’Assoluto, sempre aperto, sempre

combattuto, mai appagato da risposte o da ragiona-

menti («A occhi aperti ogni mattina domandarsi / se

le preghiere dei sopravvissuti / siano state esaudite

oppure ignorate»).

Il poeta, pertanto, non esita ad affrontare, pur

nella quotidianità, tematiche assai complesse, nelle

quali getta un fascio di luce senza giungere a con-

clusioni, senza indulgere a facili moralismi, senza

pretendere di aver scorto la verità.

“Homo viator” lo abbiamo definito ed egli ne è con-

sapevole al punto da dichiarare: «Camminare e cam-

minare ancora / è l’unico modo che ancora mi resta

/ per dichiararmi ancora vivo», perché la vita non è

programmabile («Ogni accadimento di questa mat-

tina / sarà quindi un imprevisto calcolato) e quindi

racchiusa o racchiudibile in formule o in algoritmi.

Sempre aperto alla scoperta («Nuovo Adamo: Voglio

oggi imparare i nomi degli alberi, /dei fiori al ciglio

della strada, dei venti»), traccia un provvisorio bi-

lancio delle proprie scelte di vita e dei risultati in

modo contraddittorio come contraddittoria da lui è

stata trovata la realtà («al ragazzo che sono stato /

non sarebbe piaciuto l’adulto che sono»; «Malgrado

le reticenze il sole splende / sopra qualsiasi tumulto

del cuore, / sopra i transiti passeggeri delle nubi»).

Come si deduce da queste considerazioni la rac-

colta, strutturata in sei sezioni, presenta notevole

compattezza di struttura e di ispirazione, sorretta da

uno stile personale dall’andamento desultorio. Lo

stesso “fare poesia” è affrontato con il medesimo re-

gistro “umile”, preciso, puntuale, mai didattico o ra-

gionativo, come pure mai disadorno, dal sapore

quotidiano («Sul bordo del canto si affacciano parole

/ simili al pane sulla tavola»), perché «le muse sono

franate dai loro piedistalli». Si avverte un tono con-

fidenziale che fa risaltare la preziosità delle scoperte

condivise: «parole di circostanza che chiudano il pe-

riodo / dentro il recinto del proprio punto e a capo».

E questo rivela che si tratta di una scelta consapevole

e meditata.

Il titolo, La somma imperfetta delle parti, apre il

campo a considerazioni di carattere filosofico e co-

stituisce un e vero e proprio richiamo all’umiltà di

fronte agli odierni risultati portentosi della scienza,

della tecnica e della comunicazione. Airaghi ri-

prende in chiave contemporanea alcuni tratti del

primo Decadentismo che sorse da un moto di sfidu-

cia nella ragione come strumento di indagine del

reale. Secondo il poeta, infatti, l’intelletto non solo

non viene più ritenuto in grado di cogliere il nou-

meno, la cosa-in-sé, ma viene anche considerato re-

sponsabile di produrre l’illusione della conoscenza,

con la conseguenza di distogliere dalla ricerca di una

verità più profonda e di rendere paghi delle appa-

renze. Al di là degli schemi concettuali sta il mistero

della vita che nessuno schema razionale può inqua-

drare. Questo, a mio parere, costituisce il messaggio fon-

damentale di questa raccolta poetica.

Giuliano Ladolfi

 

Da "Bottega di poesia" su La Repubblica

Giuseppe Carlo Airaghi ragiona sull’esserci a partire da dettagli in apparenza irrilevanti, ma in realtà autentici e improvvisi rivelatori di senso.


Maurizio Cucchi da “La repubblica Milano” 18/01/21

 

Dal sito "La dimora dello sguardo"

“É poesia conclusa, non lascia al lettore parole in ombra.
Si avverte che l’autore è acuto osservatore e la sua scrittura è attenta, anche quando si dilunga per timore di lasciare dietro qualcosa. A volte pesca dalla riva ma teme di tuffarsi lasciando che pochi versi affiorino a galla.
Trova l’inconscio senza arrivare a un corpo a corpo. Sa bene che la forza dell’Es sovverte ogni precauzione, ogni avvertenza ma salva l’imperfezione perché lo tiene in vita”.

Giancarlo Stoccoro 

 

dal sito "Suite Italiana"

Un poetare semplice, discorsivo, che lambisce la canzone d'autore. Versi schiettamente consolatori, che schivano non solo la pretesa di durare (che non è la stessa cosa che effettivamente durare) ma anche ogni artificio, e si concedono dolci sottigliezze. Il tono meditativo e intimo rivela angoli di esperienza cui poeti più ambiziosi hanno pudore di guardare. [Giordano Tedoldi]

 

a proposito de "Il poema del cammino"

Nel poemetto inedito in terzine ritmiche dal titolo “Poema del cammino” da cui abbiamo tratto queste tre poesie, Giuseppe Carlo Airaghi propone una visione fisica e spirituale delle cose attraverso un accorto e sincero uso del correlativo oggettivo. La natura assume le forme e le parvenze di un rispecchiamento dello stato d’animo che trapassa dal testo al lettore attraverso un significante composto da un ritmo morbido e ovattato del versificare che procede per immagini quiete, non disdegnando l’analogismo matematizzante, il pi greco che ritorna a collante di due testi su tre a sottintendere un preordinamento cosmico nella metafora fluviale dell’effimera transitorietà delle cose, chiave di volta della comprensione estetica dell’infinito, teorema supremo di una visione poetica del mondo. (Sonia Caporossi)

 

La sincerità prima di tutto

Dopo molte sillogi la cui comprensione non è facile di primo acchito – e nemmeno ritornandole a leggere più volte – una raccolta di poesie che già al primo colpo riesca a instaurare con il lettore un filo di empatia, che da un lato deriva dalla semplicità dell’esposizione e dall’altro dai temi trattati (non argomenti di notevole difficoltà, ma la vita stessa in tutte le sue sfaccettature, nel bene così come nel male), è indubbiamente un biglietto da visita benaugurale. Di questo autore non avevo mai letto nulla e l’opportunità di conoscerlo deriva dalla sua partecipazione al concorso Faraexcelsior 2020 con questa silloge, classificatasi al secondo posto. Oltre alle caratteristiche che ho riscontrato e indicate sopra, c’è anche una spiccata sincerità, un fermo proposito di non nascondersi dietro un velo di pudore al fine proprio di spalancare il proprio animo come una finestra in primavera (Da Per scrivere poesie: “Per scrivere poesie sincere / è necessario essere innocenti / e spietati come bestie senza morale, / essere il morso che strappa la carne dall’osso, / il cane bastardo che non molla la presa, / che scava nel fango, / che porta alla luce la preda occultata. / … ”).

Non mi è mai piaciuto l’ermetismo per l’ermetismo, come bastasse solo scrivere versi pressoché incomprensibili per realizzare una bella poesia; al contrario, credo che invece sia importante che la comunicazione poeta-lettore sia la più diretta e semplice possibile, ed è quel che cerco di fare io, e che ad Airaghi è riuscito perfettamente. Un esempio? Eccolo: Nella luce d’autunno – “Nell’oro delle sere d’autunno, / nella loro simbologia fraintesa, / ci incamminiamo lungo il sentiero / che costeggia la roggia. / In faccia alla forza del sole che cala / non so dove poggiare lo sguardo / e il passo che non regge il fulgore. // Come renderti evidente questa luce, / condividere a parole il respiro / che mi illudo di avere compreso? / Ci abbaglia un riflesso che canta / tra i rami di questi alberi spogli, / tra queste foglie gialle, arrese / alla luce clemente di ottobre. // Ripeto parole che in fondo / conosco, capisco da sempre: / quanta bellezza concessa / a sorreggere il peso del mondo.”

In una descrizione che sembra uscita dalla tavolozza di un pittore, c’è l’intento di rendere partecipi delle spettacolo della natura chiunque si accosti a questi versi, con un sottofondo di tenera malinconia indotta dalla stagione e che sembra preludere a una visione serena del mondo, da sempre solcato da stagioni, come metaforicamente la vita stessa degli uomini.

Pur non risultando quest’opera un capolavoro (forse lo sarebbe stata se l’autore fosse sceso più in profondità) tuttavia, per l’immediatezza dell’esposizione, per la sincerità profusa, per l’indubbia capacità di ricreare ambienti e atmosfere Quello che ancora restava da dire è una raccolta in grado di dare ampia soddisfazione e piacere a chi legge, riuscendo anche a trasmettere quella serenità di cui è permeata.

(recensione di Renzo Montagnoli)

 

Prefazione di Alessandro Ramberti a "Quello che ancora restava da dire"

Questa raccolta poetica si è classificata seconda al concorso Faraexcelsior 2020 ricevendo le seguenti motivazioni dai giurati Daniela Monreale e David Aguzzi: "In una versificazione che spazia dai toni solenni a quelli leggeri e descrittivi, queste poesie toccano i piccoli e i grandi temi della vita con un’attitudine sincera e diretta, spruzzata da sottile ironia, e con un’innocenza di fondo che rimanda a un archetipo infantile che qui viene custodito e preservato, come risorsa poetica ed esistenziale". (Daniela Monreale)
Una poesia avvolgente e spirituale. (David Aguzzi)

"Per scrivere poesie vere
non si potrà più mentire,
ci toccherà colpire,
svelare il sudario,
lacerare la benda
per mostrare la ferita
viva."
Chi scrive versi sa che non può fingere, può forse schermirsi, ricorrere a parabole, metafore, correlativi oggettivi… ma se desidera arrivare non può essere un mentitore. Lo stesso Pessoa, che si “distribuiva” in diverse personalità, restava coerente alla poetica di quell’autore e il suo eteronimo era comunque una (vera) parte di sé. I giurati che hanno votato questa raccolta ne hanno evidenziato la sincerità (Daniela Monreale) e l’avvolgente spiritualità (David Aguzzi)
e del resto l’onestà, la misericordia, l’umiltà e la fortezza sono componenti indispensabili di ogni cammino spirituale e di ogni poetica che non sia un mero esercizio di stile. Nella seconda parte di Per scrivere poesie, di cui abbiamo riportato un brano qui sopra, Giuseppe Airaghi confessa che questa propensione alla verità ha un costo:
"Se scrivessi davvero poesie sincere
sarei condannato alla solitudine,
bandito, messo all’indice,
scacciato oltre le mura della città,
nei boschi profondi dai quali
non sarei più in grado di tornare."
E allora il poeta dice di accontentarsi di versi “che non siano chiodi”… starà a chi li legge verificare se le cose stiano proprio così. In noi si sono fissate molte parole, molte immagini hanno suscitato emozioni profonde, perché la (vera) poesia è una radiografia dell’anima e chi la ama sa che a sua volta ne sarà commosso: non c’è forse empatia più alta di quella che si prova fra chi la crea e chi la fruisce. I sentimenti d’amore, i trasporti, le delusioni, le batoste, le sofferenze, gli ostacoli, la bellezza, la condivisone, l’amicizia, le domande ineludibili sono il tessuto vivente dell’esistenza che Airaghi ci offre con intensità, ricordandoci che sempre c’è un resto, un non detto, e così siamo implicitamente provocati a scendere in noi stessi, a dircelo (personalmente e reciprocamente) quando è bene farlo.
Ecco infine, per terminare questa breve prefazione, gli splendidi versi che chiudono La luce precede la pioggia, con l’invito a immergersi subito nelle pagine di questo taccuino poetico che faremo senz’altro nostro:
"e richiudevi per poco un libro
che avevi già letto in passato
e mi volgevi le palme aperte
su cui cadeva la luce
che assecondava la pioggia
e disponeva arcobaleni."


 

Dalla prefazione a "Ipoet Lieto Colle 2019"


Giuseppe Carlo Airaghi in barba alla centenaria disputa tra chi afferma l’impossibilità di una poesia narrativa e chi di fatto scrive romanzi in versi, afferma: “in ogni singola poesia tento di raccontare una storia (al netto delle divagazioni psicologiche e emotive nelle quali talvolta mi perdo e che rischiano di prendersi la scena) attraverso immagini il più chiare possibili e attraverso l’utilizzo di un io lirico che ambisce a essere voce di una esperienza collettiva e condivisibile”. Airaghi non tradisce le aspettative; la varietà dei luoghi lessicali ci suggerisce un approccio al verso semplice, quasi didascalico, passando dalla canzonatura ad un certo pessimismo nervoso di matrice forse tardo decadentista. Notevole la liaison agghiacciante tra due agenti di polizia nei intercettazione telefonica, una danza macabra nel luogo di un assassinio che ha lasciato l’amaro in bocca a tutti coloro i quali seguirono i fatti accaduti nei giorni del G8 a Genova: “La donna\(la immagino persino bella nel suo sorriso\e nella sua divisa d’ordinanza)\cinguettando disse:\“una zecca di meno, uno a zero per noi”.\I due danzavano tenendosi la mano\intorno ad un corpo coperto\da un telo insanguinato.”

Fabio Prestifilippo

 

In bilico tra il fiume e l’inespresso. Musica e poesia di Giuseppe

Giuseppe Carlo Airaghi è un artista poliedrico. Oggi condividiamo con

piacere alcune delle poesie estratte da I quaderni dell’aspettativa

raccolta da lui pubblicata.

Semplici frammenti di vita emergono dai versi di questo artista; semplici ma

mai banali. Sono voci e al contempo riflessioni che spaziando tra temi come la

memoria storica o l’esistenza dell’individuo attraverso le quali l’autore mette in

risalto le contraddizioni che sono solite accompagnarci.

La scelta delle immagini e l’accuratezza delle parole contribuiscono a creare

atmosfere palpabili, a rivivere i colori di quanto narrato.

Se vi sentite da “una vita alla finestra” o in bilico tra l’essere o il sopravvivere come ne “Il

film della donna con il cappotto”, allora immergetevi in questo fiume e lasciatevi trasportare dalla corrente.

“Una vita alla finestra” è una canzone tratta dal suo album Tra il senso e la voce

(Acustico) che troverete disponibile all’interno del suo sito web.

recensione dal sito "Caratteri Ribelli

 

Motivazione Premio Sinestetica

Riflessione sul tempo, sui percorsi di molteplici personaggi, lo sconosciuto conducente del tram, tra silenzi e traffico, o altri con “cappotti di luce”. Eppure nel caos dei sentimenti e del girovagare dei tanti rimane sempre la “foglia verde” come un passaporto verso un paesaggio sereno. Il sorriso di erba verde come un grido tenue di speranza.

motivazione con la quale la giuria del 3° Concorso Nazionale SINESTETICA ha conferito il 2° PREMIO sezione A, categoria 3 all'opera "LA FOGLIA VERDE"

 

IL VOLO RADENTE DELLA POESIA LOMBARDA


Buona parte delle poesie comprese in questa raccolta sono in ultima analisi dei racconti in versi. Perché con tutta evidenza Airaghi è un narratore che ha dismesso la sacralità del poeta e si è fatto cronista del quotidiano, del familiare, di un'epica in minore accompagnata non dalla grancassa solenne del sentimentalismo e della retorica che dispensa consigli e regole di vita ma da una musicalità da camera che segue il ritmo del respiro e si pone continue domande usando un linguaggio comune e la precisione di uno stile personale. 

Una narrazione “poetica” fatta di storie che non sono mere impressioni di anime languide ma testimonianza, critica civile e autocritica personale di un Io che ride sulle proprie ipocrisie e lo fa senza auto assolversi. 

Un io privato che da voce ad un io collettivo, un'esperienza intima che si sovrappone alla storia con la esse maiuscola. 

Un io che trae la propria ispirazione dalle cose di tutti i giorni, dalla memoria e dalla consapevolezza della sua arbitrarietà, dalle situazioni più minute e apparentemente insignificanti e se ne vale per trasformarle in simboli, in immagini poetiche, in canto contemporaneo. 

Siamo di fronte a un poeta che attinge la propria linfa dalla realtà di tutti i giorni, dal quotidiano, e lo fa usando uno sguardo da entomologo e un linguaggio talvolta prosastico che rifugge l'enfasi quando non la utilizza ironicamente. 

Un linguaggio che spesso è il dialogo con un interlocutore, alcune volte identificato e chiamato per nome, altre volte indefinito e generale.

Dietro il suo apparente antilirismo (dove per lirismo intendiamo l'espressione sentimentale delle sensazioni e degli stati d'animo dell'autore) c'è l'utilizzo del correlativo oggettivo dove gli oggetti e le descrizioni definiscono gli stato d'animo. 

Dietro il suo ironico disincanto tutto lombardo non c'è pessimismo ne tanto meno rassegnazione. 

La sua ironia abbraccia le contraddizioni di un essere umano che sa di non essere ne eroe ne disertore all'interno di una vita non turbata da tragedie. 

Un'ironia che è forza vitale, che è consapevolezza della bellezza del mondo, che è il contrario della resa.

(Rino De Giovanni)

 

RICONOSCIMENTI

  • Finalista premio "POESIA A NAPOLI 2021"

http://www.guidaeditori.it/premio-poesia/

  • MENZIONE D'ONORE - Premio "Lorenzo Montano" 2021.

https://www.anteremedizioni.it/esiti_parziali_una_poesia_inedita_2021

  • MENZIONE DI MERITO - Premio “Silloge Transiti Poetici” 2021


https://transitipoetici.blogspot.com/2021/05/premio-silloge-transiti-poetici-i.html?showComment=1620124369640#c1240584140016848173

  • FINALISTA - Premio Letterario Il Giardino di Babuk – Proust en Italie. 2021


https://www.larecherche.it/premio.asp


  • SECONDO CLASSIFICATO - concorso Narrapoetando 2021


http://narrabilando.blogspot.com/2021/02/ecco-i-vincitori-del-concorso.html


  • MENZIONE SPECIALE  - Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio 2020


https://www.mantovapoesia.it/archivio-premio/


  • SECONDO CLASSIFICATO - Concorso Nazionale Sinestetica 2020


https://www.concorsosinestetica.it/premi-2020/


  • ATTESTATO DI MERITO – Premio Lorenzo Montano XXXIV Edizione 2020


https://www.anteremedizioni.it/?q=book/export/html/78


  • SECONDO CLASSIFICATO - premio Faraexcelsior 2020


https://farapoesia.blogspot.com/2020/10/pasqualone-e-airaghi-vincitori-con.html?fbclid=IwAR1gYf_WFmGLB17dFEfWZ48GKws6HSlpAAUXFSBh1sOi2rGwoEq2gGRynDI


  • SECONDO CLASSIFICATO - concorso poesia internazionale #RECITATIONES 2020


https://www.ilraccoglitore.com/2020/06/14/concorso-di-poesia-internazionale-recitationes-seconda-edizione-le-poesie-vincitrici/


  • PRIMO CLASSIFICATO - iPoet (Lietocolle) novembre 2019


http://www.lietocolle.com/2019/12/ipoet-novembre-2019-vince-giuseppe-airaghi/


  • SEGNALAZIONE - prima edizione concorso narrapoetando 2018


http://farapoesia.blogspot.com/2018/03/i-poeti-vincitori-della-prima-edizione.html